martedì 1 giugno 2021

Don Luigi Maria Epicoco - Cosa è casa?

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Mc 12,13-17

 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, mandarono da Gesù alcuni farisei ed erodiani, per coglierlo in fallo nel discorso.
Vennero e gli dissero: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno, ma insegni la via di Dio secondo verità. È lecito o no pagare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare, o no?».
Ma egli, conoscendo la loro ipocrisia, disse loro: «Perché volete mettermi alla prova? Portatemi un denaro: voglio vederlo». Ed essi glielo portarono.
Allora disse loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Gesù disse loro: «Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio».
E rimasero ammirati di lui.

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

Trovare il modo di contrapporre Gesù ai Romani era un buon stratagemma per ridurlo al silenzio. E se anche avesse preso le parti dei Romani inevitabilmente si sarebbe guadagnata l’antipatia della povera gente vessata dalla tassazione romana. Ecco perché il Vangelo di oggi è uno di quei brani dove più emerge l’originalità di Cristo: “mandarono da Gesù alcuni farisei ed erodiani, per coglierlo in fallo nel discorso. Vennero e gli dissero: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno, ma insegni la via di Dio secondo verità. È lecito o no pagare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare, o no?»”. Cosa può fare Gesù davanti a una situazione simile? Quello che fa la verità: chiarire una volta per tutte che Dio non è schierato con un partito, ma è schierato con l’uomo: “Ma egli, conoscendo la loro ipocrisia, disse loro: «Perché volete mettermi alla prova? Portatemi un denaro: voglio vederlo». Ed essi glielo portarono. Allora disse loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Gesù disse loro: «Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio»”. Ecco la genialità di Cristo: per quanto i Romani possano risultare fastidiosi, oppressori e ingiusti, non si deve a loro la parte più essenziale di noi. Ai Romani gli si possono dare i soldi ma non ciò che conta, la propria coscienza, la libertà radicale che ognuno si porta addosso come immagine e somiglianza di Dio. Ognuno di noi ha i suoi Romani: una malattia, una situazione, un problema; ma ognuna di queste cose può prendersi molto ma non ciò che conta, perché ciò che conta è di Dio. E questa è davvero una buona notizia, perché nelle situazioni di ingiustizia e oppressione che ciascuno vive, dobbiamo sempre ricordarci che rimaniamo radicalmente liberi anche quando ci sembra che ci viene tolto tutto. E davanti a una risposta del genere, anche i nemici rimangono a bocca aperta: “E rimasero ammirati di lui”. La verità risolve sempre ogni contrapposizione. 


lunedì 31 maggio 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Lc 1,39-56

 Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni, Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Allora Maria disse:
«L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

La festa della Visitazione è una di quelle feste che ci costringe a metterci in cammino, o perlomeno a metterci in cammino seguendo il racconto del vangelo. Maria è la protagonista di un gesto talmente tanto rivoluzionario che rimarrà come battistrada per tutti coloro che vogliono prendere sul serio Dio. Ella davanti all’annuncio dell’angelo non si ritira in una preghiera solipsistica, ma sente l’urgenza di trasformare in carità il dono ricevuto. Ed è proprio in questo gesto che Maria ritrova la parola per se, cioè la rilettura sapienziale di ciò che le è accaduto. Infatti le parole che Ella pronuncia nel Vangelo di oggi, sono la diretta conseguenza delle parole di Elisabetta. Maria canta la sua storia, la racconta, la condivide. E mentre ci guarda dentro scorge anche i segni del domani e non solo traccia del passato. Quando guardiamo la nostra vita non dobbiamo soltanto tirare le conclusioni dalle nostre esperienze, dobbiamo avere il coraggio di guardare anche avanti, al futuro, e ricordarci che siamo figli di un Dio che disperde i superbi nei pensieri del loro cuore, rovescia i potenti e gratifica gli umili, ricolma di beni chi è affamato e a chi si crede ricco lo lascia a mani vuote. Maria dice tutto questo mentre sa che dovrà fare i conti con le angherie di Erode, le incomprensioni dei vicini, la disoccupazione di Giuseppe, la povertà dell’esilio forzato in Egitto. Ella sa bene che la cronaca è molto spesso cronaca nera, ma nonostante ciò sa cantare la luce nascosta in essa. L’esperienza della fede non è l’esperienza di vedersi risolti tutti i problemi e per questo sentirsi grati, è invece l’esperienza di saper scorgere un misterioso bene lì dove tutti vedono solo ingiustizia e imprevisti. Ma il dono di questo sguardo viene donato solo a coloro che sanno mettersi in gioco nella carità concreta, così come ha fatto Maria. Anzi è proprio Lei che ci dice in fondo qual è lo scopo di ogni carità portare gioia nella vita degli altri. Chi sa fare questo trova gioia anche per sé.


lunedì 10 maggio 2021

Donami un cuore che prega - Trascrizione della catechesi di don Luigi Maria Epicoco

 


Ho pensato questa sera con voi di fare un itinerario, così, di lasciarvi una traccia, con una piccola premessa. La premessa è questa, e cioè che tutte le volte che noi facciamo questo tipo di iniziativa - che è un po’ tracciare una scuola di preghiera - che possa aiutare un po’ a prendere contatto con questa bellissima esperienza della preghiera, che è un po’ come il respiro per un cristiano. Cioè, una persona che prega, è una persona che respira, una persona che non prega è come se sta costantemente in apnea, vive nella disperazione della mancanza di fiato, nella mancanza di ossigeno. C’è una saturazione proprio dell’anima che viene dall’assenza della preghiera. Quando una persona prega, quando un cristiano prega, funziona, funziona fino in fondo. Quindi per noi la preghiera non è un hobby, non è qualcosa di cui possiamo fare a meno,  ma fa parte di quel minimo sindacale che ci riguarda come cristiani, prima di tutto il resto, prima di ogni cosa. Tanto è vero che la cosa che colpisce di più dei vangeli, a nostro avviso, dovrebbero essere i grandi segni, i miracoli…. ma c’è qualcosa che è come un sottofondo, che accompagna un po’ tutta la vicenda di Gesù, ed è la sua capacità di pregare, in circostanze anche molto diverse tra di loro: fa dei miracoli, e poi si allontana, passa la notte in preghiera; prima di far risuscitare Lazzaro prega e prega anche così come abbiamo ascoltato anche adesso, poche ore prima di entrare nel momento clou della sua esistenza, che sono le ore della passione e della croce. La sua passione la inizia pregando, pregando nell’orto degli ulivi, cercando ancora una volta quel rapporto col Padre, quel desiderio della volontà di Dio. Quindi “il Gesù che prega”, in fondo, è forse il segreto di Gesù. Noi cristiani non possiamo fare a meno di imparare la preghiera, di dire qualcosa che abbia a che fare un po’ con questo grande argomento della preghiera; però, vi dicevo all’inizio, con questa premessa: non esiste una tecnica. Dobbiamo rifuggire la mentalità che ci vuole vendere la preghiera come una tecnica. Quale è la differenza: se noi diciamo che la preghiera è una tecnica, basta semplicemente applicare una sorta di indicazioni, di regole, e pensiamo che basta stare a quelle regole per ottenere un risultato. Magari fosse così! In realtà non è così perché la preghiera non può essere ridotta a una tecnica, perché la preghiera è una relazione. E le relazioni sono imprevedibili, soprattutto ci coinvolgono in maniera molto profonda, non possono essere racchiuse in una formula; e hanno bisogno invece di imparare a regolarci di volta in volta, a capire che cosa è giusto in quel momento. Quindi una scuola di preghiera, in fondo, ci insegna una cosa molto importante: che non esiste una scuola di preghiera, cioè che non esiste un modo attraverso cui noi sicuramente impareremmo a pregare, ma esiste qualcosa che dovrebbe farci venir voglia di pregare. L’unico modo per imparare a  pregare è: pregare. Non ci sono altri modi. Quindi per tentativo, per esperienza, perché ci proviamo e ci riproviamo, ogni giorno, a volte sbagliando, a volte deragliando, a volte paganizzando, perché c’è questo fantasma costante di usare un atteggiamento pagano nella preghiera che va purificato, di volta in volta, con molta misericordia. Ma noi non conosciamo nessun altro modo di progredire nella preghiera se non pregando. Leggere molti libri sulla preghiera non aiuta la preghiera. Fare molti corsi sulla preghiera non aiuta la preghiera quanto, invece, pregare, provare a pregare, tentare di pregare. Un buon libro che vuole insegnare la preghiera deve far venire voglia di pregare, non sostituirsi. Una buona scuola di preghiera deve far  venire il desiderio di cominciare questo tentativo della preghiera. Pregare è “provare a pregare”, come l’amore, per noi cristiani, è “provare ad amare”, anche quando non ci riusciamo, ma noi dobbiamo provarci costantemente.

Bene, il punto di partenza, io credo, per avere un cuore che prega – ed è una preghiera, veramente, domandare al Signore di donarci un cuore che prega – è comprendere quello che ci ha insegnato in maniera mirabile S. Agostino quando ci ha detto che l’inizio vero della preghiera è il desiderio. Che cosa significa, fondamentalmente: che il primo modo di iniziare a pregare è desiderare di pregare, è coltivare dentro di noi questo desiderio. Vedete, amici, non è scontato che dal desiderio si passi poi al fatto. Però è importante il desiderio. Cioè, pregare non può essere un incidente; non può essere semplicemente qualcosa che a un certo punto la vita ci costringe a fare… Avete presente quando magari dopo tanto tempo che non abbiamo una vita cristiana, dobbiamo partecipare a un funerale o a un matrimonio o a un battesimo… siamo un po’ costretti a pregare… in quelle circostanze cerchiamo di ricordare delle formule, di dire delle parole…. No, io credo che c’è una fase, e questa è una fase proprio della vita spirituale. E quando dico che è una fase della vita spirituale sto dicendo che è lo Spirito che sta facendo questa cosa dentro il nostro cuore. Quando lo Spirito vuole insegnarci a pregare, la prima cosa che fa crescere dentro di noi è il desiderio della preghiera. Solitamente, però, questo desiderio della preghiera poi si scontra con che cosa? Con il nostro peccato originale, con le ferite del nostro peccato originale. La ferita più grande del nostro peccato originale, che ci portiamo tutti addosso, è la ferita del nostro “IO”.  Cioè, il nostro “io” solitamente riempie tutto lo spazio e impedisce l’ingresso di qualunque altra esperienza, persino l’esperienza dell’amore. Ad esempio, una persona che è molto concentrata sul proprio io, cioè ha un “IO” che ha preso tutto lo spazio, in italiano si usa la parola egoista; però solitamente quando usiamo la parola egoista ne diamo subito un’accezione morale, moralistica. Invece vorrei dire che una persona che è centrata su di sé non trova spazio nemmeno per amare, perché per poter amare tu devi diminuire, devi fare spazio all’altro. Per poter amare tu devi far rimpicciolire il tuo “io” perché se il tuo io riempie tutta la stanza del tuo cuore, non può entrare nessuno dentro quel cuore. Ecco allora perché - se in quella stanza c’è tanto del nostro io, che fa da impedimento, c’è tanta della nostra esperienza che fa da impedimento; ci sono le nostre ferite che impediscono la preghiera - il primo modo attraverso cui si crea una crepa dentro quel pieno del nostro cuore è esattamente il desiderio. DESIDERARE. Desidero ma non ci riesco. Allora, se voi che mi state ascoltando avete un grande desiderio di preghiera, ma non state riuscendo ancora a pregare veramente, questa non è una brutta notizia…. Significa che lo Spirito sta iniziando dentro di voi un percorso, un cammino. Quanto durerà questo desiderio prima di diventare un fatto? Non lo so, ve l’ho detto prima, non è una tecnica. Magari per molti anni ci terremo semplicemente una nostalgia di preghiera, un desiderio di Dio e non riusciremo mai a farlo diventare davvero una fedeltà, un’esperienza forte che possa attraversare la nostra vita. Ma dobbiamo coltivare questo desiderio. Non dobbiamo smettere di desiderare questa cosa. Un po’ come quando nella vita a un certo punto sentiamo l’unica cosa che potrebbe riempire la nostra esistenza sarebbe amare qualcuno. Però non abbiamo nessuno da amare, cioè non ci accorgiamo che nella nostra vita c’è una persona in particolare da amare e chiediamo questo amore, desideriamo con tutte le nostre forze qualcuno da amare, una persona specifica con cui costruire una relazione unica, irripetibile, esclusiva. Ecco, se viene meno questo desiderio dell’amore, allora non daremo a nessuno mai l’occasione di entrare davvero  dentro la nostra vita e di amarci. Ecco, nella preghiera funziona anche in questo modo. Prima però vi ho detto che, in realtà, il più grande impedimento alla nostra di preghiera è il nostro “io”. Padre Pio ci insegna, in fondo – ma non solo lui – queste figure di santità così essenziali ci ricordano che la conditio sine qua non, cioè la condizione minima per poter dire che noi possiamo vivere davvero una vita spirituale e imparare a pregare è l’umiltà. E che cos’è l’umiltà? L’umiltà è la capacita di saper ridimensionarsi, cioè di scoprire di nuovo la nostra vera dimensione. Le persone umili sono coloro che in fondo hanno ritrovato la loro giusta dimensione perché hanno preso contatto con la propria miseria, conoscono i propri limiti, hanno fatto esperienza di quanto valgono e non vivono questo come una frustrazione ma spalancano l’esperienza della loro miseria all’amore di Dio. Gli umili sono le persone concrete che non sono concrete solo perché sono pratiche, sono concrete perché concretamente conoscono se stessi, conoscono che cosa li aiuta e che cosa li ferma; conoscono le loro potenzialità e le loro mancanze. Le persone umili sono quelle che riescono a indicare, in maniera molto precisa, chi sono loro. E questo, vedete, non si apprende per riflessione, si apprende, purtroppo, per trauma, perché l’umiltà la impariamo sbagliando; soprattutto quando facciamo l’esperienza del peccato ci accorgiamo di toccare in maniera violenta, traumatica i nostri limiti. E siccome noi perdiamo molto tempo quando incontriamo i nostri limiti – a sentirci in colpa, a giudicarci – ci dimentichiamo una cosa che sta per accadere tra poche ore, e cioè che Gesù morendo in croce ci ha liberato dalla colpa e noi non dobbiamo perdere tempo a sentirci in colpa ma dobbiamo fare tesoro persino delle nostre esperienze di peccato affinché ciascuno di noi possa conoscere se stesso, conoscere come è fatto, conoscere ciò che lo aiuta, ciò che lo avvantaggia, ciò che lo limita. Ad esempio una persona che ha come limite il voler affermare eccessivamente se stesso – pensate, non so, alla vanagloria, a una forma di dipendenza, ecc. – finché tu non ne hai consapevolezza rimani sempre incastrato in situazioni della vita dove tutto questo ti impedisce di progredire, di andare avanti. Se tu conosci te stesso, riesci anche a prendere le giuste misure, a capire come devi comportarti in questo senso. Ecco, se l’inizio della preghiera è il desiderio di pregare, il secondo passaggio è capire che per poter pregare dobbiamo accettare di conoscere noi stessi, dobbiamo imparare l’umiltà,  dobbiamo imparare a lasciarci educare anche dai nostri limiti, dalle nostre cadute. Dobbiamo liberare anche la nostra fragilità dal senso di colpa e lasciare che le nostre cadute possano darci una lezione, perché ci insegnano, in fondo, chi siamo e chi siamo in questo momento, i nostri “più” e i nostri “meno”, le cose belle e le cose brutte, la luce e l’ombra che ci abita. Ma le persone umili sono anche quelle che comprendono che si può vivere la preghiera a patto che la preghiera sia una relazione. Sapete perché questo è importante? Perché noi viviamo in un momento storico dove c’è una grande domanda di spiritualità. Ma questa domanda di spiritualità non è cristiana perché è un’espressione del nostro individualismo. Cerco di spiegarmi e di essere molto concreto. La gente vuole imparare a pregare perché vuole stare meglio, vuole pregare per ritrovare un benessere. Vorrebbe una vita spirituale perché vuole pacificarsi, vuole tenere sotto controllo la propria vita, vuole rasserenarsi. In tutto ciò – e non c’è niente di male nel far questo -  non c’è niente di cristiano. Perché? Perché la preghiera non è fatta per donarci il benessere. Al massimo quella è una conseguenza della preghiera, ma non è il motivo della preghiera. La preghiera è un modo di stare in relazione con qualcuno che ami. Se tu sei concentrato su te stesso, tu cerchi la preghiera per star bene tu, ma non ti interessa dell’altro. Vuoi l’altro, ad esempio vuoi l’incontro con Dio, vuoi l’incontro con Gesù, perché vuoi pregare Gesù e vuoi piegare Gesù e vuoi piegare Dio ai tuoi bisogni, al tuo desiderio di trovare benessere, di star bene, di pacificarti. Invece la rivoluzione della preghiera è che a un certo punto tu smetti di pensare a te, non sei più la cosa più interessante in quella relazione, perché quando tu ami qualcuno, tu smetti di essere interessante. E che cosa diventa interessante? L’altro, chi c’hai di fronte, quella persona che stai amando: quella persona diventa la cosa più interessante per te. Allora noi possiamo dire di aver sperimentato l’amore nella vita quando abbiamo sperimentato una relazione che ci ha distratti da noi, da noi stessi e ci ha fatto concentrare fuori da noi stessi verso qualcun altro. La preghiera cristiana è focalizzare che la cosa più importante per noi non è star bene noi ma è scoprire il volto di questa persona che diciamo di amare e che nella preghiera vogliamo cominciare a esprimere in una relazione concreta e precisa. Ecco, io mi fermo mezzo secondo su questa immagine perché in realtà penso che tutti noi siamo un po’ vittime di questo fraintendimento della preghiera. E dico che ne siamo vittime perché a un certo punto, ad esempio, pensiamo che non siamo capaci di pregare semplicemente perché, magari, pregando non otteniamo quello che avevamo in mente quando abbiamo iniziato a pregare. Una persona dice: “Io oggi….. questa adorazione non è servita a niente perché… non ho sentito niente durante questa adorazione”. Ma lo scopo dell’adorazione non era che tu sentissi qualcosa; tu sei andato lì per Qualcuno, non sei andato lì per te stesso; non sei andato lì per trovare qualcosa che aiutasse te, ma sei andato lì spinto dal desiderio profondo di incontrare qualcuno che ami. A volte i nostri percorsi, anche le nostre proposte, possono diventare terribilmente un modo di essere ripiegati su noi stessi. E Gesù, Dio, la Madonna, i Santi.. sono semplicemente un modo per celebrare noi stessi, per essere concentrati su noi stessi. Quindi finché noi non convertiamo questa visione della preghiera, vorremmo soltanto imparare tecniche di rilassamento, di meditazione: yoga di matrice cristiana, modi per calmare l’ansia… ma questa non è la preghiera cristiana, tanto è vero che se noi ci andiamo a prendere tutti i brani del vangelo in cui Gesù ci spiega la preghiera, unisce sempre l’esperienza della preghiera a due cose importanti: dice che una preghiera è efficace a patto che sia unita all’elemosina e al digiuno. Ora anche qui non è una tecnica che ci sta insegnando Gesù, ma ci sta dicendo una cosa molto importante: affinché la nostra preghiera non diventi rischiosamente un modo per essere ripiegati su noi stessi, noi dobbiamo esercitare l’elemosina.

Che cos’è l’elemosina? Accorgerti del dolore dell’altro, del bisogno dell’altro, del dolore del fratello. Se tu non coltivi un profondo senso di empatia, di coinvolgimento – usiamo la parola giusta - di compassione nei confronti della vita delle persone che il Signore ti ha messo accanto, tu non puoi pregare. Se tu sei cinico, freddo, indifferente rispetto alle persone che hai accanto, puoi frequentare tutte le scuole di preghiera del mondo, puoi dire tutte le formule del mondo, ma tu non stai pregando; perché l’unica cosa che ti aiuta davvero ad entrare nella preghiera è cominciare a smettere di essere indifferente al dolore, al bisogno dell’altro. L’elemosina non è semplicemente dare qualcosa da mangiare a qualcuno, ma è considerare attorno a me la sofferenza, il dolore, e il bisogno dell’altro. Chi esercita l’elemosina deve poter essere attento a chi c’ha di fianco. Se tu non coltivi questo atteggiamento compassionevole intorno a te, non puoi nemmeno pregare.

La seconda caratteristica che Gesù unisce per una buona preghiera è il digiuno. Anche qui, se tu passi la vita a riempire semplicemente i tuoi vuoti – e solitamente noi usiamo il cibo per riempire i nostri vuoti (è il nostro modo principale e non è l’unico: a volte abbiamo relazioni tossiche, modi sbagliati di vivere la sessualità….però sono tutti tentativi di riempire un vuoto). Finché tu non impari a digiunare, cioè ad accettare che tu hai un vuoto, una mancanza, a saper abitare quel vuoto e quella mancanza, se tu continui invece ad essere sempre dipendente da qualcosa che deve riempire quel vuoto, non si può dare nessuna preghiera per te perché, in realtà, la preghiera per te inizia quando tu accetti quel vuoto, quando accetti di essere mancante, di essere bisognoso. Il diavolo nel deserto, quando tenta Gesù, lo tenta esattamente su questo: Gesù ha fame. Dice il racconto del vangelo che dopo quaranta giorni Gesù ebbe fame; e quindi avverte un bisogno Gesù, avverte una fame. Cosa fa il demonio? Dice a Gesù: “riempi subito quella fame, quel vuoto. E fallo in tutti i modi possibili e immaginabili, Tu che tutto puoi e che sei onnipotente, prendi delle pietre e trasformale in pane e riempi quel vuoto”. E che cosa risponde Gesù? “Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”, che è un po’ come dire: se io voglio ascoltare Dio, devo ascoltare questa fame, devo ascoltare questa mancanza. E se io invece soffoco quella fame e quella mancanza, non riuscirò mai, fino in fondo, ad ascoltare Dio.

Capite allora che le due condizioni della preghiera, che sono l’elemosina e il digiuno, non sono semplicemente dare dei soldi a qualcuno e non mangiare a mezzogiorno, ma è coltivare due atteggiamenti di fondo: la compassione e la capacità di accettare i nostri vuoti, le nostre mancanze, senza riempirle con tutte le forme di dipendenza che abbiamo sviluppato all’interno della nostra vita. E’ un lavoro su noi stessi molto profondo questo, ma è l’unico modo che ci inserisce davvero in una preghiera efficace. E quando dico una preghiera efficace non sto dicendo una preghiera che alla fine ci ottiene la grazia, ma che trasforma noi in una grazia. Persone come Padre Pio, che pregavano davvero in questo modo, dispensavano, a volte, la grazia di Dio senza nemmeno saperlo, cioè erano un po’ come Mosè: ricordate il racconto di Mosè che scendendo dal monte Sion, dal monte dove ha ricevuto le tavole della legge, è trasfigurato in volto. Significa che emana luce e lui non può farci niente! Ma tutto questo nasce da che cosa? dalla sua capacità di essere stato davanti al Signore. Ecco, io credo che questa è un a condizione molto importante, cioè quella di unire delle scelte esistenziali che permettono un po’ la nostra preghiera. Se tu sei ripiegato su te stesso e se tu non lavori sulla tua compassione e sul tuo vuoto, non riesci ad entrare davvero in un clima di preghiera, in un cuore che prega, in un cuore che ha questa educazione, questa postura di fondo che ci mette in relazione con Dio.

Vorrei qui, a questo punto, individuare alcune cose che possono esserci di aiuto. Tre, fondamentalmente. In realtà ci sarebbero tantissime cose da dire sulla preghiera, ma purtroppo non abbiamo molto tempo e vorrei lasciare un po’ di spazio anche al nostro confronto, al fatto di poter dialogare, anche rispetto a quello che ci stiamo dicendo. Ho voluto scegliere, però, tre caratteristiche che spero possano esservi utili per poter avere un cuore che prega.

La prima caratteristica è il silenzio. Che cosa è il silenzio. Il silenzio è una cosa che temiamo moltissimo. Perché quando una persona comincia a fare silenzio dentro la propria vita, è scaraventato nella propria interiorità. Ora, se nella nostra interiorità ci fosse pace, ci sarebbe facilissimo fare silenzio; perché uno dice “faccio silenzio e ritrovo pace, perché nella mia interiorità c’è pace”. Ma solitamente la nostra interiorità sapete che cosa è? E’ una cantina ripiena di un sacco di roba che a noi non piace. E’ il tappeto sotto cui  abbiamo messo tante cose che a noi non piacciono. Allora noi non vogliamo mai stare in silenzio, perché, in realtà, noi non vogliamo mai tornare dentro noi stessi. Perché se noi andiamo dentro noi stessi sapete che cosa noi sperimentiamo? La folla, non la pace. Cominciamo ad avere pensieri, preoccupazioni, frustrazioni, sofferenze, esperienze del passato che ci ritornano alla mente, sogni che abbiamo paura di dire ad alta voce…. Insomma, dentro la nostra interiorità c’è il caos molto spesso. Noi non conosciamo nessun altro modo per imparare a pregare se non imparare a fare silenzio e cioè ad entrare dentro questo nostro mondo interiore che è abitato da una folla e permettere a Gesù di fare ordine in quella folla. Che cosa succede quando noi entriamo dentro noi stessi? Succede che è come se sentiamo tantissime voci che ci urlano a destra e a sinistra, che ci confondono e che ci inquietano. Ecco, in mezzo a tutte queste voci c’è una voce, che è la voce principale: è la voce dello Spirito Santo. E questa voce dello Spirito è mescolata a mille altre voci. Tu devi imparare a riconoscere quella voce tra mille voci. Gesù usa una espressione molto bella nel vangelo, dice che il pastore e le pecore, in fondo, hanno un linguaggio tutto loro. Quando il pastore parla (noi siamo gente del sud e quindi questa roba la capiamo meglio, perché magari ci è capitato proprio di incontrare delle persone che esercitano questo mestiere) allora tu ti accorgi che il fischio del pastore, che la parola del pastore, il rumore che lui fa con la sua voce diventa direttamente un segno di riconoscimento per quegli animali. Quelle pecore riconoscono subito quel segnale e si muovono di conseguenza. Hanno elaborato un alfabeto che li rende riconoscibili tra di loro. Ora anche noi abbiamo la voce del pastore che ci abita e dobbiamo tornare ad ascoltare questa unica voce preziosa che è mescolata in mezzo al rumore che ci portiamo dentro. S. Ignazio usa una parola, molto abusata, purtroppo, da noi, forse anche molto fraintesa, che è la parola “DISCERNIMENTO”. Il silenzio ti aiuta ad entrare dentro te stesso e quando tu entri dentro te stesso, devi imparare a fare discernimento. S. Ignazio dice: “Innanzitutto devi imparare a fare discernimento”. S. Ignazio dice: “Innanzitutto devi imparare a dividere tra le cose che vengono dall’alto e le cose che vengono dal basso; quelle cose che vengono dallo Spirito buono e le cose che vengono dallo spirito cattivo”. Già soltanto se dividessimo questi due gruppi, ci accorgeremmo che molti pensieri, molte emozioni, molte voci non vengono da sopra ma vengono da sotto e se tu sai che vengono da sotto devi imparare a non dare troppa importanza a queste voci, devi imparare a relativizzarle, a banalizzarle, a sorridere di queste voci, perché se invece ascolti quelle voci entri in paranoia. Non soltanto. Poi, quando incontri le voci che vengono dall’alto, non tutte le voci che vengono dall’alto sono voci che vengono da Dio, perché tu puoi avere dentro di te tante esperienze di bene, ma non tutto il bene che ti porti dentro è volontà di Dio. Volete un esempio? Io oggi devo decidere se aiutare una persona in una difficoltà, andare a fare il servizio alla mensa dei poveri, mettermi a confessare delle persone che me l’hanno domandato, preparare un incontro per domani…. Vi ho fatto un esempio di cose che potrei fare. Sono tutte cose buone…. e come faccio a capire quale è la cosa giusta!? Mi devo domandare, fra tutte queste cose buone, quale è la volontà di Dio, che è solo una fra tutte queste cose… e quindi fin che tu devi capire la differenza tra il bene e il male può essere relativamente facile – e vi posso assicurare che non lo è – ma una volta che hai escluso il male, non è detto che tutto il bene è comprensibile. Poi devi capire quale è il bene e la volontà di Dio… perché quando il male ha perso la sua partita, si traveste di bene e tu non riesci più a riconoscerlo, perché è travestito di bene: è “angelo della luce”, amici. Quindi quando smette di essere macabro, si traveste da una cosa buona e tu devi poter dire: “Tu sei una cosa buona, ma non vieni da Dio, non sei volontà di Dio”.

Ecco, come ci si fa ad educare a questo silenzio? Facendo silenzio. Scusate se posso sembrare un po’ buffo nel dire queste cose di una semplicità estrema. Ma in fondo la vita spirituale è diventare semplici. Cioè, se noi all’interno della nostra giornata non abbiamo spazi di silenzio, non ci prendiamo mai dieci minuti in cui stacchiamo i cellulari, abbassiamo il volume delle nostre radio, televisioni, cuffie… ci allontaniamo un attimo dagli altri.  Rientriamo dentro noi stessi, invochiamo lo Spirito Santo e impariamo a stare in silenzio, solo in silenzio, senza pensare a nulla senza dire nulla, senza domandare niente, standoci. Ci accorgeremo che dopo i primi secondi veniamo bombardati da migliaia di pensieri e di emozioni contrastanti, ma noi dobbiamo stare lì, fermi, in silenzio. Man mano quel caos comincia a calmarsi e in mezzo a quella calma tu cominci a discernere, a capire il bene dal male e il bene che è volontà di Dio. Quindi un grande aiuto è il silenzio.

Un grande maestro di vita spirituale, poco conosciuto,  purtroppo - papa Francesco lo ha canonizzato pochi mesi dopo che è stato eletto papa, forse perché era anche un suo confratello gesuita. Mi sto riferendo a questo santo che è san Pietro Favre, che è uno dei primi compagni di S. Ignazio di Loyola, un mistico, un uomo di immensa contemplazione – ecco, nel suo memoriale, che è il suo diario personale, a un certo punto lui dice che non iniziava mai la preghiera, ad esempio la preghiera dei salmi, quella del breviario, o la celebrazione eucaristica senza farla anticipare dal silenzio, perché il silenzio dispone il cuore. Se tu passi dall’esteriorità all’interiorità senza nessuna mediazione, senza nessuna anticamera, che dovrebbe essere l’anticamera del silenzio,  tu sprechi quel momento perché non sei presente. E perché anche se il Signore ti sta parlando, quello che tu ascolti è solo il fruscio, il fruscio di un rumore che non ti dice nulla. Io non lo so se siamo abituati al silenzio. Il silenzio ci imbarazza, il silenzio ci sembra sempre qualcosa di accessorio di cui possiamo fare a meno. Invece un cuore che prega è un cuore che misura le parole e che, solitamente, sa far diminuire le parole. Anche qui i grandi maestri di vita spirituale dicono che per poter coltivare il silenzio bisogna imparare a smettere di parlar male degli altri, bisogna imparare a mordersi la lingua. Il primo modo di esercitare il silenzio è smettere di parlar male, di giudicare gli altri, di usare la lingua in modo sbagliato. E’ interessante, no? E così come il digiuno e l’elemosina aiutano la preghiera, smettere di essere malelingue ci dispone al silenzio autentico. Quando tu controlli la tua parola e non la usi contro l’altro, tu cominci ad entrare nel clima vero del silenzio. Ecco, parlar male, giudicare, parlare a sproposito…. tutto questo rovina il silenzio perché non è semplicemente l’assenza di un suono, è una disposizione interiore il silenzio.

Seconda caratteristica che vorrei darvi: è l’ascolto. Non basta che tu faccia silenzio, devi sapere che in quel silenzio Dio parla. Ora, come facciamo a non perderci? Cioè, che cosa può dirci in maniera oggettiva che Dio ci sta parlando?. Vedete, amici, noi abbiamo uno strumento, che purtroppo non usiamo moltissimo, ma che in realtà è uno strumento potentissimo che educa il nostro ascolto; sapete che cos’è? E’ la Parola di Dio. Se tu vuoi ascoltare Dio, devi imparare ad ascoltare la sua parola. La Parola di Dio non può essere usata in maniera casuale, banale, episodica, presa a pezzettini. La parola di Dio non può essere ridotta semplicemente a qualche passo nelle nostre liturgie; la Parola di Dio deve diventare una compagnia per ciascuno di noi perché, soprattutto i vangeli, devono diventare per noi una compagnia costante, perché frequentare quella parola significa predisporre dentro di noi l’ascolto vero. Ma anche qui dobbiamo stare molto attenti: anche il demonio può usare la parola di Dio. Vi ricordate quando tenta Gesù? Come fa a tentare Gesù? Cita i salmi. Cita la bibbia. Quindi non è detto che siccome ci troviamo davanti alla Parola di Dio allora automaticamente noi ci troviamo davanti oggettivamente a Dio che ci sta parlando. Dobbiamo fare questa differenza dentro di noi. Tu devi imparare ad ascoltare la Parola permettendo alla parola di entrare dentro la tua vita facendo verità, ma facendo verità nella misericordia. Il male, invece, usa la parola di Dio per fare un altro tipo di verità. Vuole fare verità, ma per accusarti, per giudicarti, per far crescere dentro di te i sensi di colpa. Allora quando un passo della Parola di Dio vi punta il dito e vi condanna significa che ve lo sta porgendo il demonio, non lo Spirito Santo. Quando un passo della parola di Dio vi fa anche soffrire perché vi mette a nudo ma vi sentite profondamente amati in quella nudità, sentite che c’è pace in quella verità, allora lì c’è lo Spirito Santo. Ecco, noi dobbiamo imparare a frequentare la Parola di Dio e a permettere alla Parola di Dio di fare verità dentro la nostra vita, a fare verità nella carità e non verità nel giudizio. Verità come misericordia e non verità come accusa. Quindi non basta semplicemente reintrodurre i vangeli nella nostra vita, ma dobbiamo introdurre i vangeli in una modalità unica, che è quella che ci ha insegnato Gesù Cristo: “Io non sono venuto per condannare, ma per salvare”.  Quindi certamente voi questo non lo farete, ma qualcuno può avere la tentazione di poter leggere molta Parola di Dio e poi gli viene di giudicare gli altri usando quella Parola di Dio o di giudicare se stesso usando quella Parola di Dio. E citano passi e brani della bibbia per condannare la gente o per condannare se stessi. Questo è un modo diabolico di usare la Parola di Dio. Perché tu puoi usare la Parola di Dio solo e soltanto quando quella parola è misericordia. Il che non significa: “Eh no, vogliamoci bene, va bene tutto”. No. La misericordia ha la stessa rudezza di Padre Pio che diceva la verità alle persone, ma la diceva per salvarle, la diceva nella carità, con lo scopo di guarigione, non con lo scopo di distruggere chi abbiamo di fronte. Il male invece accusa per distruggere, accusa per giudicare. Io spero di avervi dato una chiave di lettura anche in questo senso, cioè educare l’ascolto significa far tornare centrale nella nostra vita la Parola di Dio, ma la Parola di Dio usata con misericordia e non con giudizio.

Terza e ultima caratteristica che vorrei condividere con voi è l’affezione. Allora, io so che è una parola un po’ desueta, quasi ottocentesca.  Che cos’è l’affezione. L’affezione significa che la preghiera deve diventare una partecipazione affettiva alla vita di Dio, cioè deve coinvolgermi nei miei affetti e non soltanto a livello intellettuale, perché altrimenti sarebbe un atteggiamento gnostico la nostra preghiera. La preghiera è vera quando ci coinvolge in maniera affettiva. E sentite come ci aiutano i santi. Che cosa facevano i santi, cosa faceva Padre Pio per coltivare questa dimensione affettiva nei confronti di Cristo: si inventava modi per voler bene a Lui… pensate alla giaculatoria. Che cos’è la giaculatoria: è una frase breve, a volte è una frase che non ha grandi significati, eccetera… ma è carica di amore, è carica di una potenza affettiva e la persona che la pronuncia, la pronuncia per esprimere l’amore, per rafforzarsi nell’amore. Se una persona che non ama sente parlare due innamorati comincia a dire: “Oddio, ma questi che si dicono ‘ste frasette…. mamma mia, basta! Non sopportabili….”. Perché non amando non riesce a comprendere che chi ama ha bisogno di esprimere in maniera affettiva il suo amore. Io mi domando se la nostra preghiera è una preghiera affettiva, oppure è semplicemente una preghiera emozionale, che non è la stessa cosa degli affetti. Emozionale significa che noi andiamo a cercare le emozioni; le cerchiamo per noi stessi. La preghiera affettiva, invece, è esprimere l’amore per indirizzarlo a qualcuno. Allora capite che la visita al Santissimo Sacramento non è una pia devozione. E’ un modo di dire: “quei due minuti che vado davanti al tabernacolo, lo faccio esattamente per rafforzare il mio legame affettivo con Lui. Signore sai perché sono venuto qui? Perché non voglio niente, voglio amarti e voglio farti compagnia un po’, perché mi manchi”. Fermarsi durante il lavoro e dire al Signore: “Ti amo, Signore, mia forza” significa non cercare grandi cose se non quello di esprimere l’amore, rafforzarsi nell’amore. Insomma, noi dovremmo imparare che l’autentica preghiera è tale quando è semplice e quando è affettiva, quando ci coinvolge anche nei nostri affetti. E sapete, penso che tutti noi, almeno una volta, abbiamo fatto esperienza nella nostra vita… e cioè che amare non è mai facile. Pensate a una madre che a volte è stanca e nonostante questo deve accudire i figli. Però lo fa; nonostante questo deve cucinare. Però cucina. Nonostante questo deve essere l’ultima che spegne la luce, e lo fa. Emotivamente non sta provando niente se non stanchezza, a volte confusione, a volte frustrazione. Però lo fa. E lo sapete perché lo fa? Perché ama. Questo è il suo modo di esprimere la sua affezione nei confronti dei figli: fare delle cose anche quando non glie ne viene, perché li ama. Ecco, nella preghiera funziona nello stesso modo. Se tu fai le cose soltanto quando te le senti di fare… eh, stiamo freschi! Se dovessimo amare così una persona… ci abbandonerebbe dopo due giorni. Voler bene a qualcuno significa coltivare, decidere di amare affettivamente qualcuno, a volte mettendosi anche un po’ contro noi stessi, contro quello che noi possiamo provare in quel momento.

Ecco, mi avvio alla conclusione: da dove nasce la preghiera allora. La preghiera non è una iniziativa nostra, è una iniziativa dello Spirito e lo Spirito solitamente suscita la preghiera dentro di noi facendoci desiderare di pregare, anche quando non ci riusciamo. Ma questo desiderio non può semplicemente rimanere un desiderio, ha bisogno di diventare un fatto. Per aiutare questo seme a germogliare, noi possiamo fare due cose: l’elemosina e il digiuno. Cioè, coltivare in maniera orizzontale compassione nei confronti della vita delle persone che sono accanto a noi, amici, non di quelle che non ci scegliamo, ma di quelle che ci stanno. Perché anch’io vorrei stare con delle persone… che purtroppo però non ci vivo, con queste persone, e vivo con altre persone… ma io è nei confronti di chi c’è dentro la mia vita che devo esercitare compassione, non di quelle che io mi scelgo. Gesù dice nel vangelo: Ma se amate quelli che vi amano, che merito ne avete, fanno così tutti” eh… sono tutti bravi a fare così dice Gesù. Amate quelli che non vi stanno proprio simpatici…. però ce li avete di fianco! Amate i vostri nemici, a volte, e i nemici ti vivono in casa, a volte, sono accanto a te, sono i tuoi colleghi di lavoro, il tuo vicino di casa. Coltivare la compassione, l’elemosina, accorgersi del dolore e del bisogno dell’altro…. questo fa germogliare il desiderio della preghiera in fatto. E la seconda cosa: digiunare, cominciare a disintossicarci da tutte le nostre dipendenze, perché sono dipendenze che riempiono il vuoto. Dobbiamo imparare ad essere nudi e crudi per poter pregare, dobbiamo imparare ad abitare il nostro vuoto. Poi dobbiamo smettere di essere concentrati su noi stessi e dobbiamo capire che non preghiamo perché stiamo cercando qualcosa per noi, ma perché stiamo cercando un altro, stiamo cercando chi amiamo. E non stiamo cercando semplicemente noi stessi. E comprendere così che la preghiera è una relazione con Dio, non una relazione con il nostro “io” più profondo.

Che cosa potrebbe aiutarci: il silenzio, l’ascolto e l’affezione.

Il silenzio come la capacità di saper entrare in maniera giusta dentro la nostra interiorità, per riscoprire, all’interno della nostra interiorità, che quel caos è abitato anche da una voce di cui noi abbiamo bisogno. Il silenzio che ci predispone, il silenzio che ci fa fare discernimento. E per poter avere questo silenzio che ci fa entrare dentro la nostra interiorità smettere di parlar male degli altri. Questo ci dispone al silenzio.

L’ascolto. Che cosa è l’ascolto: un’idea geniale che ci balena nella mente quando riflettiamo molto? No, l’ascolto è l’ascolto soprattutto della Parola di Dio. Ma la Parola di Dio può essere ambigua, può essere posta a noi dal Male o dallo Spirito Santo. Noi siamo autorizzati ad ascoltare la Parola quando quella Parola è Misericordia, quando ci dice la verità nell’amore e non quando ci dice una verità per farci sentire in colpa. E’ una verità per la vita non per la morte.

Terza cosa: coltivare un’affezione nei confronti di Dio, elaborare, cioè, dei modi di amarlo che sono tutti nostri, tutti personali; ma in cui riempiamo il tempo delle nostre giornate, il tempo di questa nostra relazione di piccole attenzioni, di piccole caratteristiche che altro non sono che un modo di esprimere l’amore e rafforzare l’amore. Pregare come partecipazione affettiva alla vita di Dio.

Mi piacerebbe dirvi che io tutte queste cose le faccio e mi riescono benissimo, sono molto bravo e sono molto felice. Invece…. sono ancora un principiante e sto imparando tutto questo e se sono molto chiaro a spiegarlo agli altri è perché in realtà sono molto affaticato nel cercare di renderlo vivo dentro la mia vita. Quindi non sono qui come testimone ma come un povero disgraziato che si trova sulla stessa barca e che ha il medesimo desiderio di pregare, ma che sa che quello che vi ho appena detto non è frutto mio ma è frutto della tradizione che la Chiesa ci ha consegnato in tanti anni e di cui io insieme con voi vorrei farne tesoro. Grazie mille.


martedì 13 aprile 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Gv 3,7-15

 


Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall'alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».

Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro di Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell'uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

“Tu sei maestro di Israele e non conosci queste cose?”, rimprovera Gesù a Nicodemo nel vangelo di oggi, smascherando l’idea di fondo che i nostri approcci religiosi abbiano davvero la capacità di capire il Mistero di Dio. La verità è che se non è Lui a rivelarci le cose, noi rimaniamo imprigionati nei nostri schemi mentali. Noi siamo fatti di terra. Non è uno sminuirci ma un sancire un rapporto profondo con la materia. Noi le cose le capiamo proprio perché sono “toccabili”, sono terra. Infatti Gesù per farsi capire deve sempre raccontare esperienze. I fatti per noi sono più chiari anche dei ragionamenti. Eppure in noi c’è un’apertura del cuore a forma di cielo. Potenzialmente in noi c’è la capacità di intuire cose e verità più grandi della nostra stessa esperienza: questa è l’esperienza del senso della vita. Esso non coincide mai con una cosa o una persona, è sempre molto di più. È Dio stesso. Eppure Gesù mentre continua il suo dialogo con Nicodemo dice: “Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo?”. E ha perfettamente ragione perché vuole far capire a Nicodemo che credere in Dio non è innanzitutto credere nell’assurdo, ma credere nella realtà che ci circonda e lì intuire che c’è molto di più. Ma il nostro problema è stare con i piedi nella realtà che ci circonda. Preferiamo la nostra testa al reale e così non capiamo nemmeno Dio. Credere significa imparare ad aprire gli occhi e non a chiuderli. Perché solo ad occhi aperti nasce in noi l’intuizione che c’è molto di più di quanto noi riusciamo a toccare, a vedere a immaginare. Solo così si intuisce la vita guardando Gesù crocifisso su una croce. C’è più verità nell’ ascoltare soffiare il vento durante la notte, così come Gesù chiede di fare a Nicodemo, che ragionare mettendo insieme concetti astratti che non riescono a contenere il mistero della vita. È paradossale, ma la più grande esperienza di vita spirituale si manifesta sempre come un sano realismo capace di portarci al cuore delle cose. È il realismo della croce. 



martedì 6 aprile 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Gv 20,11-18

 


Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Maria stava all'esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l'hanno posto».

Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove l'hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» - che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli e di' loro: "Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro"».

Maria di Màgdala andò subito ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto.

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

“Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva”. È interessante come la Pasqua inizi sempre con un fraintendimento. Tutti sono convinti che ormai la storia e la vicenda di Gesù sia finita, ma invece quella fine è solo un nuovo inizio. Eppure tutti hanno solo gli occhi sulla fine. C’è bisogno di tempo prima che capiscano che in quella fine c’è anche altro. Maria di Magdala è lì vicino al sepolcro vuoto. Non può ancora sapere che quel sepolcro vuoto rimarrà per sempre come il segno più tangibile della resurrezione di Gesù. Per lei quel sepolcro vuoto è solo l’ennesimo capitolo di dolore nella grande tragedia di quei giorni terribili di passione. Eppure Maria di Magdala ci dà una lezione immensa: ella rimane lì davanti a quel vuoto. Non scappa, non edulcora quella esperienza tanto terribile. Noi molto spesso non sopportiamo il vuoto, e pur di non sentirlo siamo disposti a riempirlo con qualunque cosa. L’esperienza più decisiva della vita spirituale è abitare il vuoto che tante volte si affaccia dentro il nostro cuore. Abitarlo con l’ostinazione dell’amore. Abitarlo come la Maddalena. Ma non basta l’amore e il desiderio di questa donna, serve che accada qualcosa di imprevisto. È qui che entra in scena Gesù: “Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?»”. Già un’altra volta Gesù aveva fatto la medesima domanda. Era nel Getsemani e all’arrivo delle guardie domanda proprio “Chi cercate?”. L’esperienza di fede è l’esperienza di lasciarci raggiungere da questa grande domanda: chi cerchi veramente? Infatti si può ricercare la fede solo come un modo per trovare noi stessi. Ma la fede vera è quando ti accorgi che esiste qualcosa di più interessante di te stesso, e questo è Dio. La Maddalena non sta pensando a sé, sta pensando a Gesù e proprio per questo Gesù può parlarle rivelandole chi è veramente. E non servono effetti speciali, basta solo che Egli pronunci il suo nome: “Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!»”.


lunedì 22 marzo 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Gv 8,1-11

 


Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.
Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell'interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani.
Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch'io ti condanno; va' e d'ora in poi non peccare più».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

C’è una maniera per mettere in difficoltà Gesù: costringerlo a venire allo scoperto. Da quale parte sta? Da quella di Dio o da quella dei peccatori? È ovvio che i suoi ascoltatori scribi, farisei e dottori della legge sono convinti di trovarsi davanti ad un eretico, e in quanto tale va screditato davanti a tutti, ecco perché il pretesto dell’adulterio di una donna diventa l’occasione giusta per far cadere Gesù in trappola: “Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adultèrio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adultèrio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo”. La reazione di Gesù non è la foga di una risposta polemica ma bensì l’inaspettato silenzio e l’apparente distacco dalla scena cruenta che gli mettono davanti. Sa bene infatti che di lì a poco quella donna sarà uccisa in maniera atroce a colpi di pietre. “Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani”. Con questa risposta geniale Gesù non solo salva la vita alla donna ma redime una volta per tutte la questione se è dalla parte di Dio o dalla parte dei peccatori. Ovviamente Gesù è dalla parte di Dio e proprio per questo è dalla parte dei peccatori, nel senso che la verità non può mai essere negata ma ha bisogno di arrivare nella vita degli altri non come una pietra che uccide ma come una possibilità di rialzarsi dagli errori. Ecco perché Gesù non solo salva la vita a questa donna ma le ricorda anche cosa dovrà fare ora che ha la vita salva: “«Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più»”.  


lunedì 15 marzo 2021

Don Luigi Maria Epicoco - Prima meditazione - La fede: dono che interpel...

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Gv 4,43-54

 


Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù partì [dalla Samarìa] per la Galilea. Gesù stesso infatti aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella propria patria. Quando dunque giunse in Galilea, i Galilei lo accolsero, perché avevano visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme, durante la festa; anch'essi infatti erano andati alla festa.

Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l'acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire.

Gesù gli disse: «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete». Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va', tuo figlio vive». Quell'uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino.

Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un'ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell'ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia.

Questo fu il secondo segno, che Gesù fece quando tornò dalla Giudea in Galilea.

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

Del vangelo non bisogna ignorare mai nessun dettaglio, specialmente quando hanno a che fare con la geografia dei luoghi dove Gesù si reca: “Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire”. Cana è il luogo del primo miracolo. È il miracolo della gioia salvata in extremis grazie proprio ad un intervento di Gesù. Ancora una volta in questo luogo c’è una situazione estrema: un uomo ha un figlio in fin di vita, non c’è più tempo, e Gesù è l’unico che può fare qualcosa. La preghiera di questo padre viene esaudita ma la professione di fede che Gesù domanda a quest’uomo è davvero unica nel suo genere: “Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va’, tuo figlio vive». Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino”. La risposta di quest’uomo è unica: crede a Gesù non inseguito al miracolo, ma crede a Gesù senza ancora aver visto il miracolo della guarigione del figlio. Sembra che il vangelo voglia suggerirci che l’atteggiamento vero della fede non è vedere un segno per poi credere, ma credere in assenza di segni fino al punto in cui quella fiducia rende visibile anche il segno: “Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia”. Il risultato è una sovrabbondanza di conversione. Se infatti all’inizio è solo lui capace di una fede senza segni, alla fine del miracolo tutta la sua famiglia si converte. È bello pensare che l’atto singolo di fede di uno di noi alla fine diventa l’inizio della conversione degli altri. 


giovedì 11 marzo 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Lc 11,14-23

 


Dal Vangelo secondo Luca 

In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.

Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.

Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.

Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

Il vangelo di oggi registra una polemica infinita nata dall’esorcismo che Gesù opera nei confronti di un uomo. La diatriba è semplice: Gesù riesce a fare quello che fa perché è davvero il figlio di Dio o perché è in combutta con il demonio? Quella che potrebbe sembrare una domanda geniale si rivela invece la più banale delle domande proprio grazie alla risposta di Gesù: “Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio”. Risolto il problema sulla capacità di Gesù di fare ciò che fa, forse possiamo recuperare un dettaglio non di poco conto: “Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore”. Il male appare come colui che impedisce la parola, comunicazione. Gesù è colui invece che restituisce la parola e ripristina la comunicazione. Un’autentica vita spirituale è tale quando ci aiuta a recuperare quella parola che ci tira fuori dall’isolamento interiore. In questo senso delle volte una buona confessione può essere il punto di svolta nella vita di una persona che da tanto tempo sembra essere ostaggio di eventi, ferite o cadute ma che trovando la via del “dire”, fa finalmente entrare la grazia necessaria a venirne fuori. Ecco perché il gesto di esorcismo più vero a cui possiamo sottoporci è quello di riscoprire autenticamente il sacramento della riconciliazione. In confessionale ci si può ritrovare con la vita liberata. San Pio da Pieltrelcina e San Leopoldo Mandic sono due fulgidi esempi di liberatori a questa maniera. Anche per loro è valso il medesimo destino di essere accusati da qualcuno di essere in combutta con il demonio, ma l’albero lo si è riconosciuto dai frutti. 


mercoledì 10 marzo 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Mt 5, 17-19

 


Dal Vangelo secondo Matteo 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.

Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

“Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento”. L’affermazione di Gesù nel vangelo di oggi credo ci suggerisca la chiave di lettura più bella di tutto il suo ministero. Infatti molte volte i suoi contemporanei, e noi con loro, avevano la sensazione che Gesù predicasse qualcosa di contrario al passato, all’esperienza di Israele così come nei secoli si era codificata. Ma la rivoluzione di Gesù non è consistita nella demolizione delle cose di prima, ma nel portarle a compimento e cioè al loro più vero significato. Infatti l’errore in cui molto spesso incorriamo è pensare che nel fissismo della tradizione c’è tutta la verità di cui abbiamo bisogno, o al contrario ci convinciamo che solo la novità che demolisce il passato è ciò che potrà salvarci la vita. Tra questo tradizionalismo rigido e progressismo sterile, si pone invece l’insegnamento di Gesù come ciò che ha la capacità di compiere il passato liberandolo dallo schema, e far irrompere la novità senza contrapporla al passato. Se riuscissimo a liberare anche la narrazione della Chiesa da questo schema bipolare errato, forse comprenderemo che l’agire di Gesù, come l’agire della Chiesa si pone sempre in modo creativo secondo proprio questo insegnamento. Ecco perché Gesù sembra categorico nel mantenere questa linea non fraintendibile: “Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli”. Ecco perché è sbagliato pensare che Gesù abbia un atteggiamento polemico solo nei confronti degli scribi e dei farisei, difensori della tradizione come schema. Gesù ha il medesimo tono polemico anche con tutte quelle interpretazioni buoniste del suo messaggio che proprio sentendosi forti di questo proclamo una libertà sbagliata che ha più il sapore di essere libertinismo più che di libertà vera. 


martedì 9 marzo 2021

Don Luigi Maria Epicoco - Il nome nascosto

Il significato del cardellino nell'arte cristiana - Iconografia cristian...

Commento al Vangelo di don Luigi Maria Epicoco - Mt 18,21-35

 


Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.

Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.

Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.

Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.

Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

Parola del Signore


Commento al Vangelo di don Luigi Maria Epicoco

“Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette»”. Gesù prende come pretesto la domanda di Pietro per metterci davanti a una modalità di perdono insopportabile perché prevede l’infinito moltiplicato sette volte. Eppure questa eccessiva linea di pensiero di Gesù è spiegata immediatamente dopo dalla parabola che Egli stesso racconta: ci sono due debitori. Il primo ha un debito così grande che nemmeno dieci vite basterebbero per ripagarlo. Il secondo ha un debito ha un debito di pochi spicci. Al primo viene fatta la grazia non solo della pazienza di aspettare ma viene fatta la grazia di avere il debito condonato. Il secondo debitore invece che ha contratto il debito con l’uomo graziato, si ritrova per mano di quest’ultimo gettato in galera. Come è possibile che un uomo che ha sperimentato una grazia così grande non riesca a fare allo stesso modo con un suo simile? Sembra che Gesù voglia sottolineare lo scandalo di un simile gesto, quasi a suggerirci che il fatto che dobbiamo perdonare non nasce da una nostra capacità o bontà ma dalla semplice memoria che i primi ad essere stati perdonati siamo stati proprio noi, e che senza la memoria di questa grazia che abbiamo ricevuto non riusciremo mai a farlo anche noi di conseguenza. Allora il problema diventa un altro: abbiamo memoria di quanto siamo stati perdonati? Dire in confessione “non credo di peccare”, o “sono fondamentalmente una brava persona” non ci aiuta. Non metto in dubbio che c’è molta gente santa in giro, ma solitamente i santi dicono che sono dei grandi peccatori e riescono a scovare la loro fragilità nelle pieghe più nascoste della loro vita, mentre i più incalliti peccatori sembrano vivere beatamente nella convinzione che sono migliori degli altri. Si perdona solo se si domanda al Signore la grazia di vedere quanto noi stessi abbiamo bisogno di perdono. 



lunedì 8 marzo 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Lc 4,24-30

 


Dal Vangelo secondo Luca 

In quel tempo, Gesù [cominciò a dire nella sinagoga a Nàzaret]: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo, ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
All'udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costrita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino. 

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

Il vangelo di oggi ha come luogo geografico un posto significativo che ci dà la vera chiave di lettura per comprenderlo fino in fondo. È Nazareth questo luogo. E come tutti ben sappiamo, Nazareth è la città dove Gesù è cresciuto. Nella sinagoga di Nazareth Gesù esclama: “In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria”. E per rincarare la dose ricorda ai suoi compaesani che molto spesso Dio ha agito a partire dai lontani: “C’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro”. Gesù sembra voler suggerire che delle volte le chiusure mentali più difficili da demolire ce le hanno coloro che pensano di essere i più vicini, cioè quelli che pensano di aver capito tutto e di avere tutto sotto controllo. A una persona che è convinta non si riesce nemmeno a parlarle fino in fondo perché il suo ascolto è occluso dalla sua convinzione. Chi è in crisi invece è sempre più disposto ad ascoltare perché sente il bisogno di essere salvato da ciò che sta patendo. Quando la fede ci fa sentire talmente tanto sicuri da non farci più mettere in ascolto di Dio, allora capiteremo come i compaesani di Gesù nel sentirci infastiditi dalle storie della bibbia che ci ricordano che Dio molto spesso per agire lo ha dovuto fare con quelli che erano fuori dalla cerchia dei suoi. La vera umiltà è non dare mai per scontato le cose, e soprattutto non limitare l’azione di Dio che può agire dentro la nostra vita non attraverso il sensazionale, ma attraverso le cose già presenti nelle nostre giornate ma che noi tendiamo ormai a non guardare più perché pensiamo che esse siano banali e scontate. Il vangelo di oggi sembra volerci dire di non dare per scontato nulla, anzi che dalle cose che diamo per scontato forse Dio ci sta parlando ancora. 



sabato 27 febbraio 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Mt 5, 43-48

 


Dal Vangelo secondo Matteo 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

Credo che delle volte dovremmo metterci seriamente nei panni dei discepoli contemporanei di Gesù, non solo perché lo siamo anche noi seppur con qualche millennio di differenza, ma perché ci farebbe bene provare la vertigine di ascoltare parole destabilizzanti come quelle del vangelo di oggi: “Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti”. Si può comprendere la richiesta di non rispondere al male con il male, ma rispondere con l’amore a chi è nostro nemico è davvero una richiesta che rasenta l’impossibile. Eppure Gesù lo domanda ai suoi discepoli mettendoli in una seria difficoltà nel comprendere come ciò sia possibile. “Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste”. La verità è che umanamente parlando nessuno di noi è capace di liberarsi dalla logica di azione-reazione. Ci viene quasi spontaneo reagire anche soltanto interiormente al male che riceviamo. Ma chi fa un’esperienza potente d’amore non ha più la preoccupazione di reagire perché è talmente grande il senso di gratitudine e di pienezza che prova, che nemmeno il male può togliergli davvero quello che conta. Ora, se facciamo fatica ad amare così, ciò è segno che ancora non abbiamo fatto un’esperienza decisiva dell’amore di Dio. Non dovremmo quindi chiedere al Signore ti farci amare i nemici, o di saper perdonare gli imperdonabili, ma dovremmo chiedergli di darci una così grande esperienza del Suo amore da avere come conseguenza le due cose precedenti. La richiesta di Gesù può essere solo la conseguenza di un amore così. È questo ciò che va cercato.   


venerdì 26 febbraio 2021

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Mt 5,20-26

 


Dal Vangelo secondo Matteo 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi: Non ucciderai; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: Stupido, dovrà essere sottoposto al sinèdrio; e chi gli dice: Pazzo, sarà destinato al fuoco della Geènna. Se dunque tu presenti la tua offerta all'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all'altare, va' prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono. Mettiti presto d'accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l'avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all'ultimo spicciolo!».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

“Poiché io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli”. La fede cristiana non si manifesta nel semplice essere giusti ma in qualcosa che è più grande della giustizia e che non è contemplato in nessuno schema. Madre Teresa amava dire che l’amore non consiste nel fare ciò che ci è chiesto ma nello scegliere di fare ciò che nessuno ci domanda e pretende da noi. In questo di più si gioca la differenza cristiana. Solo così le parole che Gesù continua a dire non hanno il sapore dell’esagerazione ma di quella misura altra che Egli è venuto ad insegnarci. Soprattutto quando questa misura riguarda l’amore al fratello: “Se dunque presenti la tua offerta sull'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all'altare e va' prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono”. Che senso ha una intensa e appassionata vita di fede che non si ripercuote in un’intensa e appassionata ricerca di comunione con gli altri? Come possiamo ignorare il vincolo che Gesù stabilisce tra la presentazione della preghiera e la riconciliazione con il prossimo? Mettersi a mani giunte può essere fin troppo facile, ma porgere la mano a chi ci è accanto può diventare impresa ardua, specie quando chi abbiamo accanto c’ha fatto soffrire o ci ha fatto del male. Ma Gesù sembra voler dire che il perdono non solo è una cosa buona e necessaria, ma è anche un affare che conviene: “Mettiti presto d'accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l'avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione. In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato fino all'ultimo spicciolo!”. Perdonare è un buon argomento per essere perdonati a nostra volta dal Signore. La misericordia e l’amore sono l’unico investimento che ritroveremo nella vita eterna, tutto il resto lo dovremo lasciare qui. 



martedì 23 febbraio 2021

Don Luigi Maria Epicoco - La vita come la fine del mondo

Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco - Mt 6,7-15

 



Dal Vangelo secondo Matteo 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.

Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.

Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

Parola del Signore 


Commento al Vangelo di Don Luigi Maria Epicoco 

“Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole”. Le parole di Gesù nel vangelo di oggi rimangono di un’attualità disarmante. Infatti è sempre in agguato dentro di noi un atteggiamento pagano in cui l’immaginario che ci guida interiormente è quello della divinità che va propiziata con le perfomance delle nostre preghiere e dei nostri sacrifici. Dio non va convinto e questo per un motivo fondamentale: Egli è nostro Padre e ci ama. È già convinto. La dinamica della preghiera non serve a Dio ma bensì a noi. È nella misura della nostra conversione, della nostra consapevolezza, della semplicità o meno del nostro cuore che la preghiera porta frutto. Ma il punto di partenza è decisivo: non siamo pagani che vogliono manovrare la divinità, siamo cristiani convinti dell’amore di Dio. “Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate”. Ed è proprio su questa affermazione di Gesù che nasce una domanda che tante volte mi sento rivolgere dalla gente: che senso ha pregare se Dio sa già tutto? La parola per noi uomini ha un valore immenso. È attraverso di essa che le cose vengono alla luce. Senza la parola siamo condannati solo a subire le conseguenze delle nostre esperienze. Grazie alla parola invece noi riusciamo a prendere distanza dalle cose e in un certo senso a tornare ad esserne protagonisti. Per questo Dio ci dà la parola, non perché Lui non sappia ma perché siamo noi che ne abbiamo bisogno. Allo stesso tempo però la preghiera non ha solo questa funzione benefica, essa effettivamente può cambiare le cose, indirizzarle diversamente, capovolgerle, ma solo a patto che sia fatta con fede e mettendo sul piatto la nostra conversione. Essa consiste nell’abbandonare il cuore di pietra e tornare ad avere un cuore di carne. I grandi santi venivano esauditi perché avevano lasciato che la Grazia di Dio ridonasse loro un cuore capace di domandare con fiducia di figli e ostinazione d’amanti.